domenica 18 maggio 2014

Ancora Suor Cristina


Mi sono chiesto perché mi piace tanto suor Cristina, la suora che sta superando le tappe del concorso The Voice of Italy su RaiDue. Ho messo sul tavolo i motivi del mio entusiasmo (parlo spessissimo di suor Cristina e prima di dormire mi vedo qualche pezzo suo su YouTube). Questa è la diagnosi. Punto primo: suor Cristina è siciliana e io ritengo i siciliani una razza superiore per intelligenza e sensibilità. Secondo, e questo credo che sia il motivo più vero, attraverso lo sguardo di suor Cristina vedo l’amore bello di Gesù. Sul web ci sono immagini di Cristina prima della risposta alla vocazione. Ebbene quello sguardo non c’è ancora. Dopo aver accettato la vocazione lo sguardo di suor Cristina è diventato una porta spalancata sul suo cuore, un cuore che si è aperto al dono di sé. Dopo il sì suor Cristina è diventata attraente, non più una comune ragazza. L’amore di Dio dà una luce speciale. Madre Teresa di Calcutta era bella anche se non rispondeva ai canoni comuni della bellezza. Prego per suor Cristina perché il Signore la conservi con quello sguardo, fedele e apostolica. Terzo punto: J-Ax. Altro che demonio! E’ una persona di una sensibilità particolare: ha capito subito chi è Suor Cristina e attraverso di lei è affascinato da Dio. Inoltre suor Cristina balla bene. Mi piacciono le persone che sentono la musica dentro di sé. Infine è la più elegante di tutti col suo abito e le scarpe tacco 1. E’ bello che le consorelle siano unite a lei in questa testimonianza originale.


4 commenti:

  1. sì . Anche io credo che nello sguardo di una persona ci sia tutta la sua anima . E poi essendo siciliano tifo per suor Cristina

    RispondiElimina
  2. Patrizio Romano20 maggio 2014 23:10

    Suor Cristina ha mantenuto la sua promessa : "Ho un dono e ve lo dono". Ci ha donato tante bellissime interpretazioni.
    Papa Francesco ha detto che il buon pastore ha il profumo del gregge : suor Cristina ha il profumo della musica e i coaches di The Voice l'hanno colto.
    Patrizio Romano

    RispondiElimina
  3. Giacomo Scalzo25 maggio 2014 18:27

    Quando la Chiesa Cattolica decide di giocare non ce n'è per nessuno !
    E succede in ogni campo. Questo vuol dire essere cattolici: avere il coraggio di uscire da se stessi per portare la bellezza e la Speranza nei cuori degli uomini che mai come adesso ne hanno bisogno. Un grazie a Suor Cristina.

    RispondiElimina
  4. Suor Cristina benedetta da Papa Francesco
    http://goo.gl/CLaUxT

    RispondiElimina